Teatro Inka Sistemazione

Prenotazioni Teatro Inka Sistemazione  
 
VIAGGIAMO A CUSCO (CUZCO) Mas informacion Reservar

MACHUPICCHU

Passando il settore agricolo e’ possibile vedere un grand “Fosso secco” che serviva per proteggere la cittadina di Machupicchu questa citta’ era  molto esclusiva  e la sua popolazone era selezionata tra l’alta  nobilta,’di conseguenza aveva una sicurita’ maggiore e un sistema di protezione molto alto.Attraversando il Fosso Secco possimao trovare il settore urbano e nella quale c’e’ la “ strada delle fontane” che ha 16 fontane. Nella societa’ inca l’acqua era considerata sempre come una divinita’ speciale, di conseguenza, c’erano molte fontane  e depositi per questo culto.La fontana principale si trova davanti a un edificio che ha semplicemente tre pareti che nell’archittetura inca si chiamava "Wayrana" che si supone e’ il centro cerimoniale dove il  "Willaq Uma" (Alto Sacerdote)doveva portare a fine con diverse cerimoni ringraziementali all’acqua.Oggi l’acqua non passa attraverso questi canali semplicemente perche’ l’hotel turistico vicino lo sta utilizando; originalmente l’acqua si portava da  fonti localizzate dietro la montagna di Machupicchu; il canale venne costruito con il cammino inka che arriva fino al Intipunku. Il "Tempio del Sole" era originalmente un complesso molto protetto. Durante il periodo inca solo i sacerdote e il Inka  potevano utilizzare questi templi per questa ragione rimanevano chiusi e protetti. La gente realizava le sue cerimonie popolari in aree aperte o in piazze come in  Machupicchu o Cusco.

L’entrata al Tempio Del Sole aveva una porta di legno doppio nella quale le sue superfici interiori avevano un sistema di sicurita’ con anelli di pietra e in cima dell’entratte dove  era messa la porta si  doveva che appendere e si  legavano  due  stecche dentro di piccole casse intalgiate internamente dove la porta s’incrociavano con la barra. Il proprio tempio si costrui’ in cima di un grande cantone e ha un superficie piano semicircolare, le sue pareti posteriori e’ rette e il tempio fu costruito con  architettura inca, e a dire  con pietre rettangolari con giunture. La parete semicircolare  ha due finestre una di queste con la faccia all’est e l’altra a nord.

Secondo gli scientifici moderni queste due finestre facevano parte dell’osservatorio solare piu’ importante del Machupicchu, tramite queste finestre che danno verso est fu possibile osservare il solstizio d’inverno che si misurano tramite la proiezione precisa del sole su una pietra centrale.Ambe le finestre hanno una parete falsa intagliata fuori dalla facciata che serviva  certamente per appoggiare gli elementi  che facilitavano l’osservazione solare.Nel centro del tempio c’e’ un altare intagliato in pietra che servi’ per eseguere diverse cerimonie di ringraziamento al sole, e’ qui che si fecero sacrifici con animali, per analizzare il loro cuore, polmini e viscere, queste cose permettevano ai sacerdoti di prevedere il futuro.L’inca in questo luogo doveva bere la chicha (birra fatta di mais) assieme al suo padre sole. La parete posteriore ha dei piccoli buchi intagliati nella sua ombra ed e’ conosciuta come la finestra del serpente (nome dato da Bingham). I buchi sono molto simili a quelli incontrati nel tempio delle stelle di Qorikancha in Cusco, secondo Garcilaso questi buchi conservavano pietre e metalli preziosi e sicuramente anche quelli del  Macchupichu avevano la stessa funzione.

Le pareti rette del tempio hanno delle nicche trapeizoidali nelle loro facciate interiori; la lora funzione era di preservare differenti idoli e offerte. Alcuni autori indicano che originalmente questo tempio aveva un ricamo conico  di paglia, ed era soprannominato come il “Suntur Wasi” “Torre Militare”, ect. Sotto il tempio del sole  c’e’ una piccola caverna molto interessante conosciuta anche come la “Tomba reale” chiamata cosi’ da Bingham che credeva poteva ospitare la mummia di un nobile cuschegno o possibilmente di un Inca pero’ lui scrisse che non si trovo’ nulla al suo interno . La relazione logica dovrebbe essere: che l’Inca era rinchiuso sotto il tempio di suo padre. Senza  nessun dubbio la piccola caverna aveva una relazione con Ukju Pacha (mondo sotteraneo) e il culto delle persone morte.Nella parete laterale ci sono due grandi nicchie  trapeiziodali  con travi di pietra  nell’altezza delle sue architrave dentro della piccola cova e due piccole nicchie nella parete  piu’ profonda.Nel pavimento c’e’ una intagliatura che rappresenta i tre livelli del Mondo Religioso andino. Nella  societa’ inca tutti i cadaveri si mummificavano in una posizione fetale con l’unica differenza che si conservavano mummie nobili nei tempi  mentre che la gente comune erano sotterratte o messi in un cimiterio. Dentro il complesso del Tempio del Sole, ci sono due costruzioni  conosciute da alcuni autori come la “Clausura della Ñusta" (ñusta = principessa).dovuta con la sua situazione intima con il tempio ed e’ possibile che modesta era la casa del Willaq Uma (Alto Sacerdote). Attraversando la strada, davanti al tempio del sole c’e’una "kancha" classica (appartamento per una familia estesa), l’unica che si trova nell’area ed e’ molto solida e costruito su pietre intagliate.Non c’e’ nessun dubbio che questa fu la casa dell’inca. Il gruppo ha due stanze grandi e due "wayranas" piccole attorno del cortile centrale.La camera orientale si conoce come la alcova, la sua posizione verso sud e’ diviso da  delle pietre intagliate che formano il letto, gli Incas potevano aver dormito in questo angolo sopra qualche coperta di lana o di vicuña.Nella parte nord della stanza c’e’ un scompartimento molto piccolo che le persone lo battezzarono come il bagno e’ strano perche’ normalmente non si trovano bagni dentro gli appartamenti incas.

La stanza che sta davanti a questa camera da letto e’ conosciuta come lo studio  del governante e le due piccole  "wayranas"si utilizzavano nei lati contrari probabilmente come cucina e tagliere. C’e’ una pietra intagliata che servi’ come trituratore per schiacchiare grano e altri cereali nel mezzo del patio centrale.

Più Info >>

Prenotazione diretta