Teatro Inka Sistemazione

Prenotazioni Teatro Inka Sistemazione  
 
VIAGGIAMO A CUSCO (CUZCO) Mas informacion Reservar

MACHUPICCHU

Lasciando il gruppo attraverso la sua unica entrata, attualmente esiste un altra maniera per entrarci tramite la porta posteriore dello studio.Fu aperto per facilitare l’accesso ai turisti che possono  fare un giro nelle piccole e anguste stradine, nel lato corretto sopra due metri d’altezza c’e’ una pietra intagliata  che si distacca dalle altre ed ha un buco nel mezzo.Probabilmente lo scopo di questa pietra era di sostenere gli elementi cerimoniali, facendo le scale di pietra e’ possibile trovare i Canteras settore dove ci sono i canti circondati da granito.Tutte le montagne attorno della citta’ inca hanno la stessa qualita’ di pietre,e a dire il granito bianco grigio di   Vilcabamba. Per conseguire le pietre si doveva andare in differenti posti e trasportarle nella valle, questo e’ stato dichiarato da alcuni autori.In questo settore c’e’ una pietra parzialmente rotta segnata dalle guide locali non e’ un lavoro  genuinamente inca, e’ semplicemente una mostra della tecnica utilizzata in quell’epoca, l’intaglio fu fatto nel 1953.

Dal cantiere e’ possibile salire  le scale di pietra fino al sud est per arrivare al settore chiamato “gruppo superiore” (alcuni storici lo chiamano questo settore come la “La Porta principale della citta’ o del "Yachaywasi"=scuola).In questo settore ci sono molte costruzioni di pareti di tipo “pirka” che al parere servirono come edificio pubblico tra di questi ci sono alcuni “Qollqs” (magazzini). In questo settore si trova la porta principale di Machupicchu che era l’unica entrata sud est  della citta’ questa porta fu protetta e solo si permetteva l’entrata della gente che abitava la citta’.

Nella parte ovest del cantiere si puo’ trovare la “Sagrada Plaza” (gruppo santo), e nella parte estrema occidentale  vedrete il “Tempio Principale” e’ un tempio tipo "Wayrana” che e’ una struttura di tre pareti fatte di pietra con facciate rettangolari e giunture.Questo tempio mostra sette nicchie trapeziodali nella sua parete centrale, e cinque in ogni parete laterale.Davanti al tempio approssimatamente a 8 metri  difronte c’e’ il tempio delle tre finestre esiste anche un canto circondato  intagliato parzialmente che deve esser stato la sua colonna centrale; oggi alcuni guide lo chiamano “l’altare dei sacrifici” . Oggi il tempio principale ha nella parte nord est una parete centrale che e’ mossa, i lavori archeologici dimostrano che ci fu una frana dovuta alla filtrazione della pioggia. Anche se alcuni archeologi suggeriscono che la rottura della parete e’ dovuta  alla faglia geologica che esiste in questa regione, per di piu’ ne esiste un altra nel Tempio del Sole. La divinita’ di cui si rendeva grazie nel tempio principale e’ sconosciuto, comunque sia gli storici dicono che poteva essere Wiraqocha, il dio superiore invisibile andino.Davanti a questo tempio c’e’ un piccolo insieme di pietre intagliate che secondo alcuni autori fu una rappresentazione della Crocie del Sud  che non si dimostra  categoricamente. Nell’estremo nord della a”Sagrada Plaza” (piazza sacra) si trova il tempio delle tre finestre, con solo 3 pareti e un tetto spiovente; le sue pietre sono poligonari, questo doveva essere meno importante del tempio principale. Le evidenze  indicano che questo tempio si distinse originalmente per aver cinque finestre, sembra che le due finestre all’estremo erano inmurate una volta che il tempio era finito .Nella parte centrale in quello che era la parete frontale c’e’ solo una colonna di pietra che  sicuramente servi’ per appoggiare il tetto di paglia e nella sua parte occidentale c’e’ una pietra intagliate con una immagine che rappresenta i tre livelli del mondo andino. Il "Hanan-Pacha" (cielo), "Kay-Pacha" (superficie terrestre) e il "Ukju-Pacha" (sottosuolo).

L’esistenza  di questo tempio fece credere a Bingham  che aveva incontrato il mitico  "Tampu T'oqo" dove la civilizzazione inca nacque, pero’ tutto dimostra che non fu cosi’, il Tempio Principale ha una stanza con due porte di tipo “Pirka” di pareti aspere che oggi e’ conosciuta come la “Casa del Sacerdote”; che probabilmente dovuto al contrasto  architettonico con gli edifici circostanti  e con la qualita’ delle pareti ha una relazione diretta con altri edifici importanti.. Dietro il Tempio Principale c’e’ uan piccola stanza che e’ conosciuta come la “camera degli ornamenti”, dovuta alla sua situazione deve aver conservato una relazione intima  con il Tempio. Nella parte piu’ bassa della parete posteriore esiste una piattaforma  bassa strana con un sedile o letto di pietra, a causa della influenza cattolica alcune persone la chiamano la sacrestia del tempio principale.

Nella parte nord ovest c’e’ una scala che sale fino alla piazza santa, e va direttamente al Intiwatana" che visto da lontano ha una forma piramidale interrotta irregolare che Bingham chiamo’ la”Collina Sacra ", e’ impressionante come il settore intero si adatto’ alla forma della collina che non fu necesariamente coltivata pero’ servi’ per detenere la corrosione e la protezione del "Intiwatana". Quasi sempre queste strette terrazze si utilizzavano anche come giardini, con uno scopo ornamentale; gli incas avevano un sistema d’irrigazione  e anche uno agricolo, (con l’eccezione delle terrazze agricole in Machupicchu che stanno in un area molto umida e rendono inútiles gli acquedotti).E’ possibile identificare cosi’  tre tipi di terrazze: agricole, di protezione e ornamentale, la collina servi’ possibilmente per appoggiare un insegna o una bandiera. La cima orientale era di formazione  naturale piatta ed era utilizzata come un “usku”, e a dire una piattaforma speciale che i capi di Machupicchu potevano parlare con la  loro gente che stava ai piedi della piazza  principale  nella parte piu’ bassa al nord est. La communicazione si facilito’ per la posizione alta della piattaforma, che non aveva nessuna interferenza , il suono era raggiunto tramite la voce umana e si rifletteva e si amplificava attraverso lo scontro delle terrazze contrarie

Più Info >>

Prenotazione diretta